Matrimonio: come organizzare il piano B contro gli imprevisti

Quando si sta organizzando il proprio matrimonio, una delle paure maggiori è quella dell'imprevisto. Il classico maltempo che potrebbe rovinare i piani degli sposi, ad esempio. Ma non è di certo l'unico inconveniente. Ovviamente la fortuna ha il suo peso, perché è impossibile prevedere come sarà il meteo, pianificando un anno prima, ma è anche impensabile organizzare un matrimonio, così come qualunque evento, basandosi sulla fortuna. Per questo motivo, se si vogliono dormire sonni tranquilli, è bene pensare ad un piano B.

Cosa fare in caso di maltempo

Quando si pensa alla classica situazione "matrimonio bagnato matrimonio fortunato" la mente vola a pioggia battente, basse temperature, abiti bagnati e ospiti di cattivo umore. E quella “fortuna” citata nel celebre adagio sembra poca consolazione rispetto a una festa rovinata.
Vogliamo tranquillizzarvi: nella maggior parte dei casi viene attuato il piano A. Qualora però non fosse possibile farlo è importante considerare la possibilità di mettere in pratica un piano B, solido e soddisfacente.

 

Se avete deciso di sposarvi in estate o comunque all'aperto, il primo passo è scegliere una location che abbia anche degli spazi interni, per ospitare gli sposi e gli invitati in caso di maltempo. In questo caso assicuratevi che anche la sala interna possa ospitare tutte le persone invitate, senza effettuare drastici cambiamenti. Una location come Castello Nove Merli vi potrà dare questa sicurezza senza farvi rimpiangere gli spazi all'aperto grazie alle sue stanze affacciate sul Monviso e sulle colline torinesi.
Se invece nella location che avete scelto non è possibile spostarsi all'interno, assicuratevi che ci sia almeno una tensostruttura con pareti richiudibili, trasparenti. Non dimenticate nemmeno di consegnare agli ospiti degli ombrelli bianchi, che in caso di pioggia si riveleranno utilissimi.
Per quanto riguarda l'abito da sposa, in caso di maltempo potrebbe essere utile cambiare scarpe. Se avete scelto un paio di sandali, il piano B potrebbe essere quello di avere a disposizione anche ad un paio di scarpe chiuse.

Non c'è solo la pioggia

Anche il caldo eccessivo può essere un fastidio, soprattutto se tra gli invitati ci sono bambini e anziani. Quindi se avete deciso di sposarvi in estate, valutate la presenza di zone d'ombra. Che siano le classiche tensostrutture o degli ombrellini bianchi, le possibilità sono infinite. Inoltre, consegnate alle signore dei ventagli, magari bianchi, con i quali potranno farsi vento durante la cerimonia.
Anche un calo brusco di temperatura potrebbe rovinare qualche piano, specie se avete deciso di sposarvi in primavera o in autunno. Il freddo eccessivo e inaspettato potrebbe impedire il normale svolgimento della festa, così come l'avevate pensata. Quindi, quando si visita una location per la prima volta è importante valutare la possibilità di ospitare un ricevimento al chiuso in caso di necessità, anche solo per una parte della giornata, oppure di utilizzare dei funghi da esterno, che permetteranno di riscaldare l'ambiente anche all'aria aperta. Non dimenticate nemmeno di predisporre delle coperte che le signore, ma non solo, potranno utilizzare sulle gambe durante la cena.

Guardare il lato positivo

Sappiamo bene che non è facile, ma un lato positivo c'è sempre. Anche nella pioggia. In fondo la pioggia, così come anche la neve, sono eventi eccezionali che potranno rendere ancora più originale e unico il vostro album fotografico. Se avete scelto un buon fotografo saprà sicuramente tirare fuori il meglio anche da questa situazione.
Inoltre, occorre sempre pensare che il piano B non deve essere un piano di serie B, ma semplicemente una soluzione alternativa del giorno più bello della vostra vita. Con una buona organizzazione anche il piano B potrà diventare bellissimo!

L'importanza della pianificazione

Pensate sempre, insieme al vostro wedding planner se ne avete uno, a quali potrebbero essere i principali imprevisti che potrebbero accadere. Non valutare tutte le possibilità non è mai una buona idea. Una solida pianificazione è quella che tiene in considerazione tutto, e trova un piano B per far fronte a piccoli contrattempi. Per questo, come dicevamo, non bisogna soffermarsi sulla prima location che colpisce la nostra attenzione. Può accadere che la location perfetta lo sia solo apparentemente. Meglio cercare qualcosa che possa permettervi di trascorrere il giorno che avete sempre sognato, all'aperto o al chiuso, senza problemi per quanto riguarda maltempo, afa o basse temperature.

Come abbiamo visto non c'è niente di male nell'avere un piano B... anzi, sarà la garanzia che tutto fili liscio nel vostro giorno più importante!